SICUREZZA. Gelmini presenta nuovo piano per edilizia scolastica. Sopralluoghi entro sei mesi


FONTE: Helpconsumatori.it

La sicurezza scolastica rappresenta una “priorità assoluta”ed entro sei mesi dovranno essere effettuati sopralluoghi nelle scuole italiane per accertare il grado di sicurezza anche dei dati non strutturali, come controsoffitti, tramezzature, parapetti. È quanto prevede l’Accordo istituzionale sull’edilizia scolastica raggiunto nella Conferenza unificata fra Governo e autonomie locali. Il piano nazionale per l’edilizia scolastica è stato illustrato oggi dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini e dal ministro per i Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto.

“La messa in sicurezza – si legge nell’accordo diffuso – riguarda 9 milioni di persone (tra docenti, personale amministrativo e alunni) e 45.000 scuole”. L’anagrafe delle scuole riguarda ora Continua a leggere

Annunci

La paglia in edilizia


FONTE: bioarchitettura-rivista.it

Tratto da:
Il costruire sostenibile
L’approccio della “Straw-Bale House”
di Marco Pastore

Per quanto possa sembrare curioso, divertente o eccentrico prendere in considerazione la paglia per l’edificazione di una casa, l’utilizzo di questo materiale povero per costruire case e ripari risale agli albori dell’umanità ed è tecnica costruttiva propria di culture anche molto diverse e distanti fra di loro. Originariamente la paglia era in genere utilizzata in forma sciolta in combinazione con argille o legno per conferire struttura alle pareti. Successivamente, a partire dal tardo ‘800, l’innovazione tecnologica ha messo a punto la tecnologia per imballare e comprimere in forme rettangolari la paglia stessa: . da questo momento divenne naturale usare direttamente queste “balle” come mattoni. Pare che ad utilizzare per primi questa tecnica per edificare case e chiese siano stati i pionieri americani del Nebraska in difficoltà nel reperire Continua a leggere

Manovra Finanziaria 2009 – Misure fiscali di interesse per il settore


FONTE: Infobuild.it

Sul Supplemento Ordinario n.285/L alla Gazzetta Ufficiale n.303 del 30 dicembre 2008 è stata pubblicata la legge 22 dicembre 2008, n.203 – Legge Finanziaria 2009 – in vigore dal 1° gennaio 2009

di: Fonte http://www.ance.it

Tra le misure fiscali contenute nella legge 203/2008 si segnala la proroga, fino al 31 dicembre 2011 (art. 2, comma 15), delle agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie, già riconosciute fino al 31 dicembre 2010 (art.1, commi 17-19, legge 244/2007), ed in particolare:
• della detrazione IRPEF del 36%, nel limite di 48.000 euro per unità immobiliare, per gli interventi di recupero delle abitazioni;
• dell’IVA al 10% per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle abitazioni. A tal proposito, si ricorda che la Direttiva 2006/18/CE, in base alla quale i Paesi membri sono stati autorizzati ad applicare aliquote IVA ridotte per le prestazioni di servizi ad alta intensità di manodopera (tra cui rientrano anche le manutenzioni delle abitazioni), prevede l’applicazione di tale beneficio fiscale unicamente Continua a leggere